IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-05-16
Fumo, 8 adolescenti su 10 iniziano perche’ “Lo fanno i miei amici”. L’AIOM in tour nelle scuole per vincere ignoranza e luoghi comuni

Roma, 16 maggio 2016 – Il 34% degli studenti delle superiori è convinto che le sigarette non siano così dannose come medici e media sostengono. Il 47% pensa che il vizio provochi solo eventualmente febbre, tosse o mal di stomaco. L’80% inizia “perché lo fanno i miei amici e compagni di scuola”, mentre per otto ragazzi su dieci si può tranquillamente provare, “tanto smettere è molto facile”. E per il 58% la nicotina non dà alcuna dipendenza, “altrimenti sarebbe illegale”. Sono questi alcuni dati emersi dal sondaggio condotto dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) attraverso la APP Con le sigarette…Meglio Smettere fra gli studenti del biennio delle superiori. L’indagine fa parte della prima campagna nazionale contro il tabagismo lanciata nel gennaio scorso dalla Società Scientifica e resa possibile da un educational grant di MSD Italia. I risultati dell’iniziativa sono presentati oggi in un convegno all’Auditorium del Ministero della Salute. “Oltre il 70% dei fumatori prende il pericolosissimo vizio prima dei 20 anni - afferma il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale dell’AIOM -. Attraverso questo progetto vogliamo fornire una corretta informazione su tutti i pericoli che si nascondo dietro ad ogni singola “bionda”. Le sigarette infatti rimangono uno dei più importanti fattori di rischio oncologico. Solo per il tumore del polmone aumentano di 14 volte le probabilità di insorgenza della neoplasia. E il fumo è un grave fattore di rischio per altri tipi di tumore, come quello del seno, della prostata, della vescica, del colon-retto, oltre che per le malattie cardio cardiovascolari e dell’apparato respiratorio. Sono oltre 180.000 i decessi che ogni anno potremmo evitare”. Il progetto può vantare una testimonial d’eccezione del mondo dello sport italiano: la tennista Flavia Pennetta. La campionessa brindisina è protagonista di un opuscolo e di uno spot che a breve andrà in onda sulle emittenti televisive italiane e ad ottobre in duecento sale cinematografiche, e che è già un caso fra i social media. Un video molto forte, ambientato in una camera mortuaria dove si vede la tennista che viene lentamente rinchiusa dentro una sacca da morto. Dopo pochi secondi però riesce a liberarsi strappando una cerniera composta da sigarette. “E’ per me un grande onore poter partecipare a una così importante iniziativa rivolta ai più giovani - spiega la Pennetta -. Da atleta sono sempre attenta alla cura del corpo e della mia salute. E quindi ovviamente non ho mai fumato! Il mondo dello sport deve scendere in campo in questa battaglia contro uno stile di vita tanto stupido quanto pericoloso. Per questo ho deciso di apparire in uno video con immagini decisamente crude ma estremamente efficaci, soprattutto per i più giovani. Spero di poter dare anch’io il mio piccolo contributo e di convincere qualche adolescente a buttar via, per sempre, quel maledetto pacchetto di sigarette”. “Contro il tabagismo - sottolinea Pinto - è molto più utile svolgere un opera di corretta cultura della prevenzione. In questi mesi, i nostri oncologi AIOM sono andati nelle scuole medie superiori di Roma, Torino e Napoli per tenere speciali lezioni della salute. Il 14% degli studenti fuma regolarmente e il loro numero è in aumento. Dobbiamo insegnare a loro i corretti stili di vita che devono condurre da giovani per evitare da grandi brutte sorprese”. 

 
Per la campagna AIOM è stato anche realizzato anche un concorso tra decine di classi che hanno partecipato al tour. Gli studenti si sono sfidati nella produzione di una sceneggiatura per uno spot contro il fumo che verrà realizzato dallo Istituto Europeo di Design (IED) di Roma e da settembre diffuso nelle sale cinematografiche italiane. Una speciale giura composta da docenti, oncologi e esperti dello IED ha valutato l’opera migliore fra le oltre 30 realizzate. I vincitori sono stati i ragazzi del Liceo Classico “Luciano Manara” della Capitale. “Ogni mattina vediamo troppi nostri studenti (in particolare le ragazze) accendere quelle terribili “bionde”, perché sembrano ignorare quali danni possano provocare - sottolinea il prof. Fabio Foddai, Dirigente Scolastico del Manara -. I nostri studenti hanno inventato lo script “Quanto dura la vita di un fumatore” proprio per sottolineare come la frase “il fumo uccide”, che si trova sui pacchetti di sigarette, sia vera. Ringraziamo l’AIOM per averci coinvolto un progetto educazionale così innovativo e che ha permesso ai ragazzi di discutere a fondo con i docenti e gli esperti di comunicazione, sviluppando una forte creatività che speriamo possa servire per contrastare questo vizio, attraverso un messaggio ideato dagli adolescenti per gli adolescenti”. 
 
“Siamo orgogliosi di aver supportato questa campagna nazionale educazionale degli oncologi italiani - conclude la dott.ssa Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia - perché riteniamo che la promozione di stili di vita corretti tra i cittadini debba far parte della responsabilità sociale di una azienda che opera nel settore della Salute. Siamo tutti in campo nella lotta contro i tumori; come MSD, vogliamo essere presenti in Italia non solo con le nostre molecole innovative, ma anche con campagne di educazione sanitaria e di promozione di stili di vita sani, soprattutto in aree terapeutiche di grande rilevanza sociale quali l’oncologia”