IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-02
Scoperto possibile vaccino anti-cancro, gli oncologi AIOM: "Siamo cauti"

Roma, 02 giugno 2016 - Genetica e nanoparticelle di Rna per creare un vaccino universale che sfrutta la risposta del sistema immunitario alle infezioni virali e la “reindirizza” per combattere il tumore. E’ quanto ha scoperto uno studio condotto dal team di Ugur Sahin della Johannes Gutenberg University di Mainz (Germania), ed è descritto online su 'Nature'. La ricerca dimostra che il vaccino induce "forti risposte" immunitarie anticancro in modelli animali di tumore (ratti) e in tre pazienti con melanoma avanzato. E "rappresenta un passo in avanti verso un vaccino universale per l'immunoterapia anti-cancro", si legge su 'Nature'. Sahin e i suoi colleghi hanno esaminato le cellule del sistema immunitario, chiamate cellule dendritiche, nei topi utilizzando un vaccino somministrato per via endovenosa e costituito da nanoparticelle di Rna-lipoplessi (Rna circondato da una membrana lipidica, simile a una membrana cellulare). “Di fronte alla ricerca c'è sempre da essere ottimisti, ma i risultati vanno verificati e validati - afferma il prof. Carmine Pinto Presidente dell’Associazione italiana di oncologia medica (AIOM) -. Il melanoma, oltretutto è una neoplasia molto immunogena. Insomma, bene la ricerca ma si tratta di un lavoro molto preliminare. Farei sicuramente una valutazione ulteriore su più pazienti e su più tumori. Perché occorre molta prudenza in questo campo, e i risultati della ricerca vanno verificati e validati”.