IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-07
Melanoma: funziona la combinazione Nivolumab e Ipilimumab. Efficace a lungo termine e riduce del 52% la dimensione del tumore

Chicago, 7 giugno 2016 – La combinazione delle terapie immuno-oncologiche è la strada da seguire per rendere il melanoma una malattia cronica, con cui il paziente può convivere tutta la vita. L’associazione di nivolumab e ipilimumab ha permesso di ottenere una sopravvivenza libera da progressione significativamente più lunga, tassi di risposta obiettiva più elevati e una riduzione notevole del volume del tumore. Questi risultati emergono dallo studio di fase III Checkmate -067, che ha coinvolto 945 pazienti, presentato al 52° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) che si chiude oggi a Chicago. “La combinazione nivolumab e ipilimumab ha dimostrato un beneficio clinico prolungato con una riduzione del 58% del rischio di progressione della malattia rispetto a ipilimumab in monoterapia, mentre nivolumab in monoterapia ha dimostrato una riduzione del rischio del 45% rispetto a ipilimumab in monoterapia – spiega il prof. Paolo Ascierto, presidente della Fondazione Melanoma e direttore dell’Unità di Oncologia al ‘Pascale’ di Napoli -. Inoltre con l’associazione di queste due armi si raggiunge fino al 58% di risposta obiettiva, rispetto ad esempio al 44% ottenuto con la monoterapia con nivolumab e al 19% con ipilimumab. La risposta obiettiva rappresenta un importante indicatore dell’efficacia del trattamento, strettamente legato all’esito favorevole a lungo termine, cioè alla sopravvivenza. Significativa anche la riduzione del volume tumorale, pari al 51,9%, rispetto sia alla monoterapia con nivolumab (34,5%) che a quella con ipilimumab (5,9%)”. Nel 2015 in Italia sono stati stimati quasi 11.300 nuovi casi di melanoma in Italia. L’incidenza della malattia è da anni in costante ascesa sia negli uomini (+3,2%/anno) che nelle donne (+3,1%/anno). E 129mila persone vivono dopo la diagnosi (43% uomini). “A Chicago stati presentati anche i risultati di un’analisi post-hoc dello studio di fase III CheckMate -069. Sono state osservate risposte durature con il regime di combinazione in un sottogruppo di pazienti che hanno interrotto la terapia a causa degli eventi avversi correlati al trattamento. Queste risposte erano in linea con quanto emerge nella nella popolazione generale”.