IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-09
AIFA: "Cronicità, sostenibilità e innovazione sono le prossime sfide per il SSN"
Roma, 9 giugno 2016 - “Occorre innanzitutto affrontare il tema della cronicità e della sostenibilità del sistema, soprattutto in relazione al concetto di innovazione”. E’ quanto ha dichiarato Mario Melazzini Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ieri durante la prima audizione in Commissione Igiene e Sanità al Senato nell’ambito dell’indagine conoscitiva sul servizio sanitario nazionale. “Si registrano - ha osservato Melazzini - enormi difficoltà a reperire risorse incrementali da investire verso la crescente domanda di assistenza da parte dei malati cronici. All’interno di questo contesto la visione dell’AIFA si fonda su tre pilastri: appartenenza, responsabilità e trasparenza, ricordando sempre che la mission dell’Agenzia include anche la responsabilità sociale tramite i controlli pre e post marketing”. “Nel futuro prossimo arriveranno molecole sempre più innovative, per esempio per sostenere terapie personalizzate che in alcuni casi possono riguardare anche solo 4-5 pazienti all’anno in Italia, ma il futuro è questo. E dobbiamo capire se il nostro sistema sarà in grado di sostenere sfide del genere - ha aggiunto il Presidente AIFA -. Per quanto concerne i farmaci innovativi è necessario curare con oculatezza i meccanismi di programmazione. Occorre considerare, per esempio in relazione ai prodotti contro l’Epatite C, sia i risparmi diretti dovuti alla possibilità di evitare operazioni, che quelli indiretti generati dal minor numero di giornate lavorative perse”.