IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-27
BREXIT: Rasi (EMA), "In attesa di decisioni sull'eventuale trasloco dell'Agenzia"
Roma, 27 giugno 2016 – “Non posso dire più di quello che già si sa. Siamo in disciplinata attesa di sapere che decisioni saranno prese dai Capi di stato. Saranno loro a dire se, quando e dove rilocare l'Ema", l'Agenzia europea del farmaco”. E’ quanto ha affermato dal Direttore esecutivo dell'Ema, Guido Rasi, all'indomani della vittoria in Gran Bretagna dei sì alla Brexit. "Non c'è nessuna esperienza precedente. E' il primo Stato che lascia l'Unione", osserva. Ma va da sé che fra gli aspetti che si dovranno valutare c'è anche il nodo delle attuali sedi londinesi di alcune Agenzie europee, tra cui appunto l'Ema. In questo momento, però, fino a quando non si delineerà un nuovo scenario, "non cambia di una virgola il nostro modo di operare", tiene a precisare Rasi che è di poche parole anche sull'esito del referendum in Gb: "Le decisioni dei popoli si rispettano e non si commentano, anche se è stato uno shock", ammette. A Londra, infatti, c'era più consapevolezza che altrove in Gb rispetto ai benefici di restare nell'Unione europea, anche se d'altra parte c'era il sentore che avrebbero prevalso i 'leave'. Su quale potrebbe essere in futuro la nuova sede dell'Ema Rasi non risponde. Si limita a un secco "no comment" e aggiunge: "Io sono un civil servant e dove mi mandano farò del mio meglio".