IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-28
Cancro: l’esercizio fisico aiuta i pazienti contro ansia e depressione
Roma, 28 giugno 2016 - Svolgere regolarmente attività fisica aiuta i pazienti oncologici non solo a tollerare meglio i trattamenti ma anche a superare depressione e ansia, che di norma accompagnano la malattia. I benefici sono evidenti entro sei settimane. E’ quanto sostiene uno studio condotto dalla Edith Cowan University of Western Australia. Mentre ricerche precedenti hanno dimostrato i benefici per i pazienti di cancro in termini di tolleranza ai trattamenti, questo è il primo studio a esaminare i benefici psicologici dell'esercizio in pazienti diagnosticati con alti livelli di depressione. Altri studi hanno mostrato che fino a metà dei pazienti di cancro subiscono sintomi depressivi, che possono essere legati a mortalità, aderenza ridotta ai trattamenti e rischio accresciuto di ricadute del tumore. La ricerca è stata condotta da Greg Levin, della School of Exercise and Sports Science dell'ateneo, su 32 individui con una gamma di neoplasie, inclusi cancro al cervello, al seno e alla prostata e con sintomi depressivi. I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi per testare, nell'arco di 12 settimane, gli effetti dell'esercizio autogestito in casa e sotto supervisione in palestra, e dell'assenza di esercizio. “Ci aspettavamo di osservare benefici, ma i risultati sono stati più drammatici del previsto - ha riferito Levin -. Il livello di depressione nei pazienti che non facevano esercizio è rimasto uguale o è peggiorato progressivamente. Invece i partecipanti che hanno completato esercizi di qualsiasi tipo hanno mostrato un effetto positivo, specie in termini di riduzione dei sintomi di depressione, in alcuni casi fino all'assenza di sintomi".