IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-30
Cancro: nuovo metodo non invasivo uccide le cellule malate
Washington, 30 giugno 2016 – Brevettato un nuovo metodo per eliminare le cellule tumorali. E’ quanto ha reso noto un articolo del Journal of Clinical Oncology. La scoperta è stata sviluppata da Matthew Gdovin, docente della Universitty of Texas d San Antonio negli Stati Uniti. La tecnica prevede l'iniezione di un composto chimico, il nitrobenzaldeide, nel cancro e poi esporre il tessuto a un fascio di luce, rendendo le cellule tumorali molto acide all'interno e portandole in questo modo al suicidio. Nel giro di due ore, secondo Godvin, muoiono fino al 95% delle cellule malate. Questo metodo e' stato testato contro il cancro al seno triplo negativo, uno dei tipi piu' aggressivi di cancro e uno dei piu' difficili da trattare. Dopo un trattamento in laboratorio, e' stata bloccata la crescita del tumore e sono state raddoppiate le possibilita' di sopravvivenza dei topi. Gdovin ha testato il metodo su cellule tumorali resistenti ai farmaci per rendere la sua terapia piu' forte possibile. Ha anche iniziato a sviluppare una nanoparticella che puo' essere iniettata nel corpo per colpire le cellule di un tumore metastatico.