IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-07-01
Benessere maschile: un italiano su 3 evita i controlli urologici
Roma, 1 luglio 2016 – “Sono ancora giovane per sottopormi ai controlli”, “mi vergogno troppo”, “non lo faccio perché non voglio che si venga a sapere”. Sono queste le scuse che tre italiani su dieci usano per evitare gli accertamenti urologici. Questi controlli sono invece fortemente raccomandati dai medici per tenere sotto controllo l'ipertrofia prostatica benigna (Ipb), una condizione fisiologica caratterizzata da disturbi urinari associati all'ingrossamento della ghiandola prostatica. E’ quanto emerso da uno studio condotto da Quanta System Observatory su circa 1.200 uomini di eta' compresa tra i 30 e i 65 anni. Tra i più timidi e restii gli uomini tra i 40 e i 59 anni (64%) soprattutto del Sud (37%), principalmente impiegati (21%) e liberi professionisti (16%). “Benché possa procurare sintomi urinari che compromettono non poco la qualita' della vita, costringendo spesso persone molto anziane, se non trattata, a ricorrere a soluzioni fastidiose come il catetere permanente, è una patologia che oggi si puo' curare con successo”, ha detto Luca Carmignani, primario di Urologia al IRCCS Policlinico San Donato e professore associato presso l'Universita' degli Studi di Milano