IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-07-05
Tumori: 30 nuovi casi al giorno nei pazienti al di sotto dei 40 anni
Roma, 05 luglio 2016 - Ogni giorno in Italia vengono diagnosticati 30 nuovi casi di tumore in pazienti che hanno meno di 40 anni. I giovani che riescono a sconfiggere la malattia, in aumento grazie ai progressi nella diagnosi e nelle terapie, oggi possono sperare di diventare genitori grazie alle tecniche di preservazione della fertilità, cioè di congelamento e conservazione dei gameti a bassissime temperature. L’argomento sarà trattato durante una conferenza stampa organizzata da Aiom (Associazione italiana di Oncologia Medica), Sie (Societa’ italiana di Endocrinologia) e Sigo (Societa’ italiana di Ginecologia e Ostetrica) per presentare le ‘Raccomandazioni sull’oncofertilità‘ da proporre a istituzioni e pazienti, prevista per il 12 luglio a Roma alle 11.30 presso la Biblioteca Primoli (via Zanardelli, 1). “L’attenzione a questi temi, per troppo tempo sottovalutati – fanno sapere gli esperti – va intesa come uno dei bisogni essenziali del paziente oncologico e tutti i metodi per tutelare la fertilita’ dovrebbero essere fruibili attraverso il Servizio sanitario nazionale. Non solo. La progettualita’ del ‘dopo il cancro’ e’ motivo di vita e recupero di energie anche durante la malattia, ma sono ancora troppo poche le persone colpite da tumore che accedono a queste tecniche”.