IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-09-13
Cancro: scoperta la “firma” lasciata dalle radiazioni sul DNA
Londra, 13 settembre 2016 – Un team di ricercatori inglesi del Wellcome Trust Sanger Institute è riuscito a identificare nei tumori umani due modelli caratteristici di danni al DNA causati dalle radiazioni ionizzanti. Questi modelli potranno consentire ai medici di identificare quali tumori sono stati causati dalle radiazioni e, nell’eventualità, di optare per il trattamento più adeguato. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Communication, aiutano anche a spiegare come le radiazioni possono provocare il cancro. Studi precedenti hanno rivelato che i danni al DNA causati dalle radiazioni lasciano spesso un'impronta molecolare, nota come firma mutazionale, sul genoma di una cellula tumorale. Nel nuovo studio i ricercatori hanno cercato le firme mutazionali in 12 pazienti con tumori secondari associati alle radiazioni. “Per scoprire come le radiazioni potrebbero provocare il cancro, abbiamo studiato - ha spiegato Peter Campbell, che ha coordinato lo studio - il genoma di tumori provocati dalle radiazioni rispetto ai tumori che sono sorti spontaneamente. Confrontando le sequenze di DNA, abbiamo trovato due firme mutazionali legate ai danni da radiazioni, che sono risultate indipendenti dal tipo di cancro. Abbiamo poi verificato i risultati con tumori della prostata esposti o meno alle radiazioni, e abbiamo trovato di nuovo le stesse due firme”.