IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-09-26
Lorenzin, nessun nuovo ticket ma più prestazioni
Roma, 26 settembre 2016 - "Nei Livelli Essenziali di Assistenza (Lea) non si introducono nuovi ticket né si aumenta l'importo di quelli esistenti". A chiarirlo è il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in merito alle voci relative all'introduzione, insieme ai nuovi Lea, di nuovi ticket per il valore complessivo di 60 milioni circa. "I nuovi livelli di assistenza - chiarisce il ministro - garantiscono nuove prestazioni gratuite in modo uniforme sul territorio nazionale: dalle nuove terapie oncologiche per curare il cancro al cervello, alle cure per l'autismo passando per 118 nuove malattie rare e il piano nazionale vaccini". "Il Governo - precisa Lorenzin - ha già finanziato nella legge di stabilità 2016, in modo permanente, con 800 milioni l'anno, nuove cure e nuovi strumenti per la diagnosi precoce, nuove prestazioni del nomenclatore specialistico ambulatoriale e le nuove protesi". Si tratta, conclude il ministro, "di un provvedimento che i cittadini italiani attendono da oltre 15 anni, il nomenclatore delle protesi addirittura da 17". Ad avanzare l'ipotesi di nuovi ticket era stata, nei giorni scorsi, la Cgil.