IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-10-03
Tumore all’intestino, stile vita riduce il rischio anche con predisposizione del DNA
Londra, 3 ottobre 2016 – L’attività fisica riesce a limitare il rischio di sviluppare il cancro all'intestino anche per quelle persone che hanno un profilo genetico di alto rischio. Sono questi i risultati di uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori dell'Institute of Cancer Research di Londra, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Genetics in Medicine. La ricerca ha permesso di far emergere risultati davvero interessanti in merito ai profili di rischio. Ad esempio, gli uomini di 50 anni che hanno un alto rischio genetico di sviluppare il cancro intestinale hanno un rischio 29% di sviluppare la malattia entro i prossimi 25 anni. Ma vivendo in modo sano questo rischio potrebbe scendere a partire da 13% se gli stili di vita sani sono ugualmente vantaggioso in tutti i gruppi a rischio. ''Questo tipo di tumore - ha spiegato il principale autore della ricerca, Richard Houlston- e' tra i piu' pericolosi e il numero di casi e' in costante aumento. Se siamo in grado di identificare le persone che sono a forte rischio, sia attraverso fattori genetici che di stile di vita, possiamo cominciare a dare loro messaggi di salute mirati, volti ad aiutarli a fare scelte che potrebbero impedire l'insorgere della malattia''.