IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-11-04
Nei pomodori una sostanza che fa da "scudo" contro raggi UV

Londra, 4 novembre 2016 – Consumare pomodori può prevenire le rughe e anche il cancro della pelle. E’ quanto sostiene una ricerca del Leibniz Research Institute for Environmental Medicine di Dusseldorf (Germania), pubblicata sul British Journal of Dermatology. Il pomodoro è ricco di un antiossidante chiamato licopene che aiuta a proteggere il corpo dalle radiazioni UV dannose. Risultati simili sono stati registrati anche su una sostanza nota come luteina, abbondante negli spinaci e nei cavoli. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno confrontato la pelle di 65 persone divise in due gruppi: a uno è stato dato un integratore chiamato Tnc, a base di nutrienti contenuti nel pomodoro, oppure un placebo; all'altro gruppo è stata data la luteina o un placebo. All'inizio e alla fine di ogni fase del trattamento durato 12 settimane, la pelle dei soggetti è stata esposta a due tipi di raggi ultravioletti, UVA1 e UVA/B, in un processo noto come irradiazione. Dopo 24 ore sono state condotte delle biopsie. Dai risultati è emerso che coloro che non hanno ricevuto il licopene o la luteina avevano un'espressione aumentata di alcuni geni legati all'infiammazione e alla rugosità della pelle, due effetti collaterali comuni dei danni solari. Al contrario, entrambi i trattamenti hanno ridotto significativamente l'espressione di questi geni.