IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-12-23
Influenza: brusco aumento contagi, quasi 900mila gli italiani colpiti
Roma, 23 dicembre 2016 – Nell’ultima settimana il numero di nuovi casi di influenza è aumentato bruscamente. Dall’inizio della stagione gli italiani allettati dal virus ormai sono stati quasi 900mila, ma con un'impennata, negli ultimi giorni, trainata in particolare dai contagi in età pediatrica. E' quanto riporta INFLUNET, il bollettino di sorveglianza epidemiologica delle sindromi influenzali coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità (ISS). Nella 50/ma settimana del 2016, che va dal 12 al 18 dicembre, si sono toccati i 4,25 casi per mille assistiti, il che significa che siamo in pieno periodo “epidemico”, ovvero quello maggiormente a rischio contagio, individuato nel momento in cui si supera la soglia di 2,44 casi per mille assistiti. Il numero di casi stimati solo in questa settimana è stato di ben 258.000, per un totale di circa 886.000 casi dall'inizio della sorveglianza. La fascia di età maggiormente colpita è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni in cui si osserva un'incidenza pari a circa 10,41 casi per mille assistiti.