IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-01-31
AIOM: 40% dei casi di cancro evitabili con corretti stili vita
Roma, 31 gennaio 2017 - Il 40% dei casi di tumore può essere evitato grazie alla prevenzione, adottando cioè stili di vita sani. E' questo il messaggio che Carmine Pinto, presidente nazionale dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), rilancia in vista della Giornata mondiale contro il cancro, che si celebra il 4 febbraio ed è promossa dall'Unione Internazionale Contro il Cancro (Uicc), organizzazione non governativa che rappresenta associazioni impegnate contro la malattia in oltre cento Paesi. "La Giornata mondiale - spiega Pinto - vuole sensibilizzare i cittadini, i media, le Istituzioni e i pazienti e aumentare il livello di consapevolezza su cosa tutti noi possiamo fare, a livello individuale e collettivo, contro la malattia. All'evento partecipa anche l'AIOM che fa propria la campagna social #WeCanICan lanciata in occasione della Giornata Mondiale". Uno dei temi centrali è rappresentato dal ruolo dello sport: "Tutte le evidenze scientifiche - spiega Pinto - dimostrano come l'attività fisica sia un fondamentale strumento di prevenzione oncologica: movimento costante, corretta alimentazione e stop al fumo rappresentano i pilastri di uno stile di vita sano. Le società scientifiche mondiali stanno puntando sempre più sulla diffusione di questi concetti e l'AIOM realizza da anni campagne di sensibilizzazione rivolte a tutte le fasce d'età".