IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-02-06
Salute: gli svantaggi sociali rubano anni di vita come fumo o malattie
Roma, 6 febbraio 2017 - Ad aumentare il rischio di morte non sono solo gli stili di vita non sani ma anche le condizioni socio-economiche svantaggiate. Il fumo è associato ad una perdita media di 4,8 anni a persona, il diabete a 3,9 e la sedentarietà a 2,4 anni. La perdita media di 2,1 anni a persona è invece provocata da basso profilo professionale, reddito inadeguato e uno scarso livello di istruzione. E’ questa la principale conclusione di un maxi studio mondiale pubblicato su Lancet. Per la prima volta viene evidenziato come gli svantaggi sociali possano influire negativamente sulla salute delle persone. La ricerca si è basata sull'analisi di dati relativi a 48 gruppi di individui di Gran Bretagna, Italia, Portogallo, Stati Uniti, Australia, Svizzera e Francia, per un totale di più di 1,7 milioni di partecipanti. Il loro livello socio-economico è stato misurato con scale ad hoc. La salute del campione è stata monitorata per parecchi anni e si è potuto stimare il numero di anni mediamente persi per cattive condizioni socioeconomiche. “Abbiamo scoperto che vivere in condizioni sociali ed economiche svantaggiate può costare caro quanto altri potenti fattori di rischio come fumo, obesità e ipertensione - afferma la coordinatrice dello studio Silvia Stringhini del Policlinico Universitario di Losanna -. Politiche mirate al miglioramento delle condizioni socioeconomiche degli individui, spiega, potrebbero salvare molte vite”.