IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-02-16
Vaccini, per un italiano su 5 non sono sicuri
Roma, 16 febbraio 2017 – Il 20% degli italiani sostiene che i vaccini non sia sicuri. Si tratta di una percentuale alta ma comunque inferiore a quella riscontrata in altri Paesi dell’Unione Europea. In Francia, per esempio, ben il 41% dei cittadini non si fida di questi presidi sanitari. E’ quanto afferma il Vaccine Confidence Project in cui dati sono stati presentati ieri durante una conferenza organizzata dalla Commissione europea a Bruxelles. Secondo gli esperti, questo crescente scetticismo in Europa rallenta l'azione per debellare malattie come il morbillo, rende le comunità più vulnerabili a patologie che ritornano, come la difterite, e sta diventando un problema sempre più importante per gli adulti, con i casi di parotite e pertosse che negli ultimi anni sono aumentati soprattutto nei soggetti con più di 15 anni. Secondo quanto emerso nel corso della conferenza, i vaccini sono sostanzialmente vittime del loro stesso successo: l'incidenza delle malattie si riduce e così si crede di poterne fare a meno. In base ai dati presentati dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, dal 2000 al 2009 quasi 5 milioni di bambini europei sotto i due anni non sono stati vaccinati contro morbillo-parotite-rosolia. Una prassi che ha contribuito al picco recente di infezioni di morbillo negli adulti, con il 25% dei casi registrati tra il 2014 e il 2016 che ha colpito gli over 30.