IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-02-28
ISS: “Le Regioni adottino strategie omogenee sui vaccini”

Roma, 28 febbraio 2017 - Dai 5 milioni di Italiani che ogni inverno sono allettati dall'influenza ai 200mila casi annui di polmonite, dalle 20mila nuove diagnosi annue di epatite B alle 4mila di HIV. Sono solo alcune delle tantissime malattie infettive che mettono sotto tiro il nostro Paese. “Molte di queste patologie sono prevenibili da vaccino e su questo - ha affermato ieri a margine di un convegno Walter Ricciardi, presidente Istituto Superiore di Sanità (ISS) -. Nonostante l'allarme per la diminuzione dei vaccinati, la nostra è una storia di successo. Un caso emblematico è quello dell'Epatite B: l'Italia è stata la prima a introdurre questa vaccinazione, grazie alla quale sono stati risparmiati un miliardo e mezzo gli euro altrimenti investiti in cure, oltre a tantissime vite salvate". Le coperture per molte vaccinazioni sono però in alcuni casi scese sotto la soglia minima, come quelle di morbillo e rosolia. Su questo incoraggiamo le regioni a adottare strategie omogenee". E' questo uno degli obiettivi Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2017-2019, appena entrato in vigore, grazie al quale molti vaccini saranno totalmente gratuiti.