IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-04-18
Infezioni ospedaliere: nel 2015 registrati oltre 22mila casi
Roma, 18 aprile 2017 – Sono oltre 22mila le infezioni ospedaliere per cure mediche o post operatorie registrate in Italia nel 2015. Risultato così quasi 4mila in più rispetto al 2007, primo anno dei piani di rientro. E più di 11.600 traumi da parto nei parti naturali (con o senza strumenti), anche in questo caso 832 in più del 2007. Va meglio per il controllo delle embolie che sono nel 2015 oltre 14.600, ma si riducono rispetto al 2007 di -8537 casi. E’ quanto sostiene il Rapporto sulle Schede di dimissione ospedaliera (Sdo) 2015. Gli indicatori di rischio in ospedale che forniscono le Sdo 2015 non danno un’immagine in progress dell’attenzione che i ricoveri prestano agli indici considerati pericolosi. Le infezioni ospedaliere non solo non calano, ma sono in aumento (in quasi tutte le Regioni) sia in caso di intervento di natura medica, sia chirurgica. E così gli altri indicatori, tranne, appunto, le embolie. Sempre restando al confronto 2007/2015 e passando ad analizzare l’indicatore dell’incidenza delle infezioni su 100mila ricoveri si rileva che la media nazionale per le infezioni dovute a cure mediche è aumentata di 5,46 casi per 100mila dimessi, passando da un indice di 6,9 casi ogni 100mila ricoveri a 12,36 casi, mentre quella per infezioni post-chirurgiche sempre per 100mila dimessi è cresciuta di 85,14 casi in nemmeno dieci anni: rispettivamente un aumento del 79% e 59% con aumento medio quindi di circa il 69%.