IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-04-19
Vaccini anti-HPV: Lorezin, “Da Report grave disinformazione”

 Roma, 19 aprile 2017 – Scoppia la polemica sul servizio di Report sul vaccino anti-Papilloma Virus andato in onda nell’ultima puntata della trasmissione di Rai Tre. “Diffondere paura propugnando tesi prive di fondamento e anti scientifiche è un atto di grave disinformazione – ha affermato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin -. Quello contro il Papilloma virus è il primo vaccino contro il cancro che l’uomo è riuscito a produrre. E’ sicuro e di grande efficacia, a differenza di quanto è stato fatto affermare sulla tv pubblica, senza alcun contraddittorio. Report – ha proseguito il Ministro – ha dato spazio a teorie prive di base scientifica, instillando timore nei confronti di una pratica sicura, efficace e in grado di salvare migliaia di donne da un cancro aggressivo e spesso mortale”. Anche Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ha stigmatizzato la puntata di Report. “Ogni anno – ha ricordato Ricciardi – in Italia circa 1000-2000 donne muoiono ancora di cancro alla cervice uterina. Sono tutte morti evitabili perché con il vaccino si previene l’infezione da HPV e, dunque, la sua degenerazione in tumore. Nella trasmissione TV non si sono enfatizzati i danni della malattia e si è invece enfatizzato su una serie di presunti effetti collaterali, peraltro associati ad immagini forti”.