IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-05-03
Tumore testa e collo: la Commissione Europea approva Nivolumab

 (3 maggio 2017) - La Commissione Europea (EC) ha approvato nivolumab in monoterapia per il trattamento del tumore di testa e collo a cellule squamose (SCCHN) in pazienti adulti che mostrano progressione della malattia durante o dopo terapia contenente platino. Nivolumab è il primo e unico trattamento immuno-oncologico che ha dimostrato in uno studio di fase III un significativo miglioramento della sopravvivenza globale (OS) in questi pazienti.

“I pazienti adulti con carcinoma del distretto testa-collo a cellule squamose, in progressione durante o dopo terapia contenente platino, combattono contro una malattia debilitante e ‘difficile da trattare’ associata a una prognosi molto sfavorevole”, ha affermato Kevin Harrington, M.D., Ph.D., professor in Biological Cancer Therapies presso l’Institute of Cancer Research e consultant clinical oncologist al Royal Marsden NHS Foundation Trust di Londra. “Come oncologo che aiuta i pazienti ad affrontare questa terribile malattia, spero che nivolumab sia ora reso disponibile il più ampiamente possibile, per offrire a questo gruppo di pazienti una nuova opzione di trattamento che può potenzialmente migliorare la loro sopravvivenza globale”.
L’approvazione si basa sui risultati dello studio CheckMate -141, uno studio globale randomizzato, in aperto, di fase III, pubblicato sul The New England Journal of Medicine lo scorso ottobre, che ha valutato nivolumab rispetto alla terapia scelta dallo sperimentatore in pazienti con più di 18 anni con tumore di testa e collo a cellule squamose recidivo o metastatico, refrattario al platino, che avevano mostrato progressione del tumore durante o entro 6 mesi dal trattamento contenente platino, somministrato in ambito adiuvante, neo-adiuvante, primario o metastatico. La terapia scelta dallo sperimentatore includeva metotrexato, docetaxel o cetuximab. L’endpoint primario era la sopravvivenza globale. Gli endpoint secondari dello studio includevano la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e il tasso di risposta obiettiva (ORR).
“L’approvazione della Commissione Europea evidenzia non solo che nivolumab rappresenta la prima nuova opzione terapeutica in 10 anni per pazienti con tumori avanzati di testa e collo, ma anche il primo trattamento immuno-oncologico per il SCCHN”, ha commentato Murdo Gordon, Executive Vice President e Chief Commercial Officer, Bristol-Myers Squibb. “Bristol-Myers Squibb mantiene il suo impegno a ridefinire la sopravvivenza dei pazienti con cancro e, ora che nivolumab è stato approvato in Europa, lavoreremo in collaborazione con le Autorità sanitarie dell’Unione Europea per assicurare che questa terapia sia disponibile per i pazienti il prima possibile”.