IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-05-04
Vaccini, in Europa il record degli "scettici"

Roma, 04 maggio 2017 – Nel Mondo si registra complessivamente un atteggiamento positivo sui vaccini. Tuttavia esistono delle zone dove lo scetticismo avanza. L'Europa in particolare è la regione dove si registra il minor grado di fiducia sulla loro sicurezza, con la Francia leader mondiale, mentre Azerbaijan, Russia e Italia sono i paesi più scettici sulla loro importanza. E' quanto emerge dall'indagine condotta nell'ambito del Vaccine Confidence Project e pubblicata sulla rivista Ebiomedicine. Il rapporto ha esaminato l'atteggiamento verso i vaccini di oltre 65mila persone di 67 Paesi. E' così emerso un clima di scetticismo in alcuni casi. Se Bangladesh, Ecuador e Iran sono gli Stati dove più si ritengono importanti, in Europa è vero il contrario. Anche se il grado di copertura vaccinale rimane alto, come quello di Nord e Centro America e dell'Asia, il Vecchio continente ospita 7 dei 10 paesi che mostrano più dubbi sulla sicurezza dei vaccini, tra cui la Francia (45,2%) e la Bosnia (38,3%), mentre nel resto del mondo la media è del 13%. Il minimo dei dubbi si è registrato in Argentina (1,3%), Etiopia (2,1%) ed Ecuador (2,2%). Gli anziani e i cattolici sono quelli con più una visione più positiva, mentre è nel Pacifico occidentale che si ha il maggior grado di incompatibilità religiosa con i vaccini. I paesi che danno meno importanza ai vaccini, per via dello scetticismo, sono Russia (17,1%), Azerbaijan (15,7%) e Italia (15,4%), contro una media mondiale del 5,8%. I tassi di vaccinazione più bassi si hanno nel sub-continente indiano, nell'Africa Sub-sahariana e nel Sud-est asiatico, per via della povertà, l'accesso limitato ai servizi vaccinali e la poca educazione sanitaria.