IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-05-15
Tumori: cena di raccolta fondi di “insieme contro il cancro”

 Roma, 15 maggio 2017 - Reperire fondi per finanziare un nuovo progetto di prevenzione dal titolo “Fatti gli screening, ama te stesso!”. E’ questo l’obiettivo della seconda cena di beneficenza organizzata della Fondazione “Insieme Contro il Cancro” che si terrà domani 16 maggio a Roma presso il Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotels & Resorts (inizio ore 20.30). “Dopo il grande successo del 2016 abbiamo deciso di riproporre l’evento - afferma il prof. Francesco Cognetti Presidente di Insieme Contro il Cancro -. Quest’anno, grazie alle risorse che riceveremo, vogliamo concentrarci sulla realizzazione di una serie di iniziative per promuovere la prevenzione secondaria del cancro. Ancora troppi italiani, infatti, non si sottopongono a esami in grado di diagnosticare precocemente tumori molto diffusi come quello al seno, alla cervice uterina e al colon-retto”. 
La situazione è buona nelle Regioni del Nord del Paese, ma è molto insufficiente in 1-2 Regioni del Centro e in tutto il Meridione. Solo sette donne su dieci eseguono regolarmente la mammografia mentre il 21% non fa il pap test. Inoltre la copertura della vaccinazione anti HPV è molto elevata (attorno al 70%) in Toscana, Umbria, Veneto ed Emilia Romagna mentre è bassissima (attorno al 30-40%) in Lazio, Sardegna e Sicilia. Particolarmente bassa è anche l'adesione alla ricerca del sangue occulto nelle feci che dovrebbe coinvolgere tutte le persone d'età compresa tra i 50-69 anni. Il 44% degli italiani svolge il test e la percentuale scende addirittura al 21% nelle Regioni del Sud. “Dobbiamo invece ribadire con forza - prosegue Cognetti - l’importanza di questi esami che possono davvero salvare tante vite e che devono continuare a essere un pilastro del nostro sistema sanitario nazionale”. Alla cena di Insieme Contro il Cancro sono previste oltre 500 persone. Parteciperanno, tra gli altri, il Presidente del CONI Giovanni Malagò, l’attore Carlo Verdone, il cantante Antonello Venditti, i mister Claudio Ranieri e Roberto Mancini e una rappresentanza di atleti del CONI. Hanno aderito anche altre personalità del mondo della politica, imprenditoria, informazione, spettacolo e sport.  La cena di raccolta Fondi del 2016 ha permesso la realizzazione del progetto Prevenzione e Stili di Vita Sani nelle Università, un tour in dieci Atenei italiani per insegnare ai ragazzi e ai futuri camici bianchi la “medicina dei sani”. “L’iniziativa è ancora in corso e siamo giunti alla terza tappa - sottolinea il prof. Cognetti -. Oggi, nel nostro Paese, grazie alle nuove terapie non possiamo più parlare del cancro come di un male incurabile. Tuttavia serve un maggior impegno da parte delle Istituzioni sul fronte della prevenzione. È fondamentale diffondere corrette indicazioni su temi come alimentazione, attività fisica, lotta al fumo e all’abuso di alcol. Al tempo stesso occorre comunicare l’importanza della prevenzione secondaria e quindi dell’adesione agli screening. Grazie ai nostri sostenitori siamo riusciti a dare il via ad un nuovo percorso di formazione a partire proprio dalle Università e dai medici di domani”.