News

Obesità: negli USA oltre la metà dei bimbi sarà XL a 35 anni

Roma, 5 dicembre 2017 – Il 57% dei bambini di oggi negli Stati Uniti sarà ‘oversize’ all’età di 35 anni. E’ questo l’allarme contenuto in una ricerca della Harvard T.H. Chan School of Public Health pubblicata sul ‘New England Journal of Medicine’. I risultati sono stati basati su un modello di simulazione rigoroso, che fornisce le previsioni più accurate ottenute fino ad oggi relativamente alla prevalenza dell’obesità nel prossimo futuro. “L’obesità negli adulti è legata a un aumentato rischio di malattie come diabete, problemi cardiaci e cancro”, avverte Zachary Ward, autore principale dello studio. “I nostri risultati evidenziano l’importanza di mettere subito in campo sforzi di prevenzione verso tutti i bambini, in modo che non si ammalino da grandi”. I ricercatori hanno usato nuovi metodi computazionali e un nuovo approccio statistico per esaminare le tendenze a lungo termine della popolazione, quando ad aumento di peso. Hanno unito i dati relativi all’altezza e al peso di cinque studi longitudinali rappresentativi a livello nazionale su 41.567 bambini e adulti. Utilizzando questi dati, hanno creato 1.000 popolazioni virtuali per un totale di 1 milione di bambini fino a 19 anni, rappresentative della popolazione degli Stati Uniti nel 2016. Hanno quindi proiettato le valutazioni su altezza e peso dall’infanzia all’età di 35 anni. I risultati hanno mostrato che l’obesità sarà un problema significativo per la maggior parte dei bambini negli Stati Uniti quando “invecchieranno”. Chiaramente, più a rischio sono i piccoli già ‘oversize’ all’età di due anni: 3 su 4 saranno obesi anche fra 33 anni.