News

OMS Europa: “Il papilloma virus può essere debellato con il vaccino”

Roma, 4 febbraio 2019 – 79mila sono i nuovi casi di cancro alla cervice uterina che si registrano ogni anno nella Regione Europea dell’OMS. Trentamila i decessi riscontrati. L’ Organizzazione mondiale della sanità Europa in vista della Giornata mondiale contro il cancro, che si celebra oggi, chiarisce che la tempestiva vaccinazione contro il papillomavirus umano combinata con uno screening regolare per il cancro del collo dell’utero, è il modo migliore per prevenire la malattia fin dall’età adolescenziale. I paesi della Regione, che comprende 53 stati e copre un territorio molto più vasto di quello della Unione Europea, stanno facendo progressi costanti in questo senso e la vaccinazione è stata introdotta in 37 paesi membri con diversi programmi per le ragazze dai 9 ai 14 anni. Sfortunatamente, sottolinea però OMS Europa, il tasso di vaccinazione varia e mentre alcuni paesi hanno raggiunto una copertura di oltre il 90%, altri incontrano difficoltà che hanno limitato il tasso di vaccinazione fino al 20%. E questo pur tenendo conto del fatto che circa l’80% delle persone non vaccinate sarà infettato da una o più forme del virus in qualche momento della loro vita. L’eliminazione del cancro cervicale resta in ogni caso un obiettivo primario dell’Oms Europa e per questo ha rinnovato a tutti i paesi membri l’appello per intensificare gli sforzi per la vaccinazione quale arma più efficace per debellare la malattia. Per farlo l’Oms si sta impegnando soprattutto su tre fronti: ottenere prezzi più bassi dei vaccini, combattere la disinformazione e monitorare attentamente progressi e ostacoli.